Firenza Guidi

Firenza Guidi è regista di film e teatro, scrittrice e autore di performance. È nata a Milano ma da anni resiede all'estero, in Irlanda prima, e poi a Cardiff, in Galles. Il metodo di lavoro di Firenza Guidi è diventato sempre più emblematico, tanto che è stato oggetto di documentari creati in Gran Bretagna, in Islanda, USA e Canada.

Da più di vent'anni infatti la Guidi sviluppa il proprio stile di performance e metodo di formazione. Nel 1989 arriva alla definizione del suo "Teatro senza Palco" e del performance-montage: una rappresentazione costruita sotto gli occhi del pubblico, la cui novità e forza sta nel mettere a nudo i meccanismi che producono significato all'interno di un testo o performance. Il processo di lavoro è in sé performance, un'esperienza esilarante e provocatoria in cui il pubblico si fa testimone di un prodotto in continua evoluzione.

Dal 2003 ad oggi, ha raccolto premi in vari Festival Europei per le sue creazioni e regie per il NoFit State Circus. In particolare, gli spettacoli Immortal e Tabú hanno contribuito a mettere la compagnia gallese sulla mappa internazionale.

Negli ultimi due anni la Guidi si è dedicata allo sviluppo, creazione e drammaturgia circense riscuotendo successi con gli spettacoli Canto (Helsinki e Newport, Galles); DS_Bruxelles e Avignon; Linge Sale, Nevers (Francia) e Bruxelles.

Percorso Artistico-Accademico

Nel 1982 Firenza si laurea con 110 e lode in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l'Università Statale di Milano con una tesi sull'Amleto di Shakespeare e sul tragico Elisabettiano.

Nel 1989 si Diploma come attrice e cantante presso la prestigiosa Scuola d'arte drammatica Royal Welsh College of Music and Drama di Cardiff, in Galles, dove ancora regolarmente insegna e dirige spettacoli. Firenza si è formata come performer e cantante studiando e lavorando con maestri di livello internazionale, tra cui Dario Fo, Philippe Gaulier, Ludwig Flaszen, Enrique Pardo, e Ida Kelarova.

Nel 1992 Firenza completa a pieni voti un PhD (Dottorato di Ricerca) sulla tragedia del XVI secolo presso la Queen's University di Belfast, in Irlanda del Nord. Negli anni, è stata invitata a presentare il suo lavoro di ricercatrice e regista presso varie Università tra cui Milano, Cardiff, Belfast, Liverpool, Indianapolis, Delhi, Calcutta, Phoenix e Chicago.

Nel 2003 Firenza completa un Master in Cinema presso la Newport International Film School e vince il premio NAHEMI come Direttore Creativo dell'anno con il suo film If There Was Water (Se ci fosse Acqua) ispirato a fatti realmente accaduti nell'Eccidio durante la Seconda Guerra Mondiale.

Dal 1989 Firenza è Direttore Artistico di Elan Wales (European Live Arts Network), compagnia fondata con David Murray. Dal 2004 dirige inoltre il Frantoio, Centro per le Arti Performative situato nell'ex-frantoio del Parco Corsini a Fucecchio (Firenze).

Dal 1995 al 2000 insegna Letteratura, Drammaturgia e Scrittura Creativa presso l'Università di Cardiff oltre a tenere laboratori intensivi di scrittura creativa in diverse parti d'Europa, spesso come parte integrante del suo lavoro di creatrice di performance. Per anni Firenza ha collaborato come insegnante-regista con scuole di formazione internazionali tra cui, oltre al Royal Welsh College of Music and Drama, l'l'Università di Aberystwyth nel Galles, la School of Stage Arts (scuola di arti sceniche) in Danimarca e la Butler University di Indianapolis, USA.

Firenza ha realizzato spettacoli in numerosi paesi europei, in India, Stati Uniti, Canada e America Latina. In Italia ha stabilito la sua Scuola Internazionale di Performance promossa in primo luogo dal Festival La Luna è Azzurra a San Miniato (Pisa) e poi, dal 1996, dal Comune di Fucecchio (Firenze). Negli ultimi anni il suo lavoro di scrittrice, regista e autrice di performance si è sviluppato attraverso stagioni internazionali di lavoro ispirate ad un tema o un autore specifico. Le stagioni recenti includono: Ibridi (2000), 3 X Hamlet (2001), wwWoyzeck (2002), La Macchina_quando è un uomo/donna libero? (2003), Out-of-Place, ispirati agli scritti di José Saramago (2004), Borders, ispirato ai romanzi di Kurt Vonnegut (2005-2006), e Tabú, ispirato agli scritti di Gabriel Garcìa Márquez (2006-2010).